USA: 300.000 posti di lavoro creati con la cannabis legale

USA: 300.000 posti di lavoro creati con la cannabis legale

L’industria della cannabis sviluppata all’interno delle normative di regolamentazione statale ha guadagnato oltre 64.000 nuovi dipendenti nel 2018 e ora impiega oltre 200.000 lavoratori a tempo pieno, secondo i dati resi noti da Whitney Economics e da Leafly.com.

Il rapporto, intitolato Cannabis Jobs Conta, conta circa 211.000 posti di lavoro a tempo pieno nel settore della cannabis legale. Questo totale aumenta a 296.000 posti di lavoro quando è incluso anche l’indotto.

Per dare un metro di confronto si stima che 112.000 americani lavorino attualmente nell’industria tessile, mentre sono solo circa 52.000 le persone impiegate nell’industria carbonifera.

“L’industria legale della cannabis rimane un motore reale ma non riconosciuto di creazione di posti di lavoro “, hanno concluso gli autori.

“In effetti, la crescita dell’occupazione nel setto della cannabis procede a tassi a due cifre in molti stati, nonostante sia sovratassata a livello locale e fortemente penalizzata a livello federale.”

La California (67.000 posti di lavoro) è lo stato che guida la classifica dell’occupazione legata alla cannabis, seguita da Washington (47.000 posti di lavoro) e Colorado (44.000 posti di lavoro).

Commentando il rapporto, il direttore esecutivo di NORML Erik Altieri ha dichiarato: “Il governo federale deve rischedulare la marijuana per consentire agli stati di beneficiare maggiormente del motore di crescita economica che è oggi l’industria legale della marijuana.

Inoltre i regolatori statali devono garantire che l’espansione di questo settore porti i suoi benefici economici ad essere condivisi da tutti, compresi e soprattutto da coloro che hanno sofferto di più sotto la fallimentare politica proibizionista“.

Articolo tratto da www.fuoriluogo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *