Marijuana, gli Stati Uniti fanno soldi a palate dalla legalizzazione

IL  COLORADO HA INCASSATO 200 MILIONI DI ENTRATE FISCALI. E NON È L’UNICO…

Il mercato della marjiuana in Usa è in crescita e garantisce introiti sempre maggiori agli Stati che hanno deciso di legalizzarla anche per uso ricreativo.

LA LEGALIZZAZIONE DELLA MARIJUANA

Gli Stati Usa dove si può fumare anche solo per piacere sono: Colorado, Alaska, Oregon, Washington e Washington D.C., che incassano tra i 25 e i 40 centesimi per ogni dollaro speso per acquistare il prodotto. Nel grafico qui sopra le percentuali delle tasse sulla marijuana in ogni Stato americano.

COLORADO, IL PARADISO DELLA CANNABIS

Il Colorado è il paradiso dei fumatori di marijuana: la vendita e il consumo sono legali dal 1° gennaio 2014 per i cittadini con più di 21 anni. Da allora la cannabis viene venduta al dettaglio (8,5 grammi è la quantità standard) ed è tassata meno delle sigarette, visto che ha un’aliquota del 29%, contro il 31% delle bionde.

Il risultato è stato che finora il mercato della canapa indiana ha portato nelle casse del Colorado 56 milioni di dollari nel 2014, 113 milioni nel 2015 e nel 2016 ha raggiunto i 200 milioni di dollari. Praticamente tanto quanto l’Ibm sta investendo in Italia nell’area dove sorgeva l’Expo per creare 600 posti di lavoro.

Si stima che le vendite post legalizzazione della marijuana possano produrre, entro il 2021, ricavi per 20,1 miliardi di dollari.

DOPO LA LEGALIZZAZIONE TROPPA DOMANDA

Il problema, secondo il Department of Revenue del Colorado (l’ente incaricato della riscossione delle tasse locali), è che a fronte di una domanda annua cresciuta a 130 tonnellate, l’offerta legale è in grado di soddisfare poco più della metà della richiesta (77 tonnellate).

Il resto dell’erba proviene dal mercato grigio di chi coltiva piantine in casa (46 tonnellate) e dal mercato nero (7 tonnellate). Motivo per cui, per scoraggiare la concorrenza alla marijuana di Stato, il Colorado ha ridotto l’aliquota al 15% dal 2017.

Nello stato di Washington l’aliquota sulla marijuana è più alta, pari al 37%. Anche se mancano dati ufficiali, si stima che l’incasso per l’erario si sia aggirato sui 270 milioni di dollari l’anno. In Oregon la canapa legale ad uso ricreativo è entrata in commercio a partire da ottobre 2015. La stima del gettito è stata intorno ai 60 milioni di dollari l’anno.

In Alaska l’ente di riscossione locale dovrebbe aver incassato tra i 5 e i 20 milioni grazie a un’aliquota del 25%. E 20 milioni di dollari dovrebbe essere stati anche l’incasso per il District of Columbia, dove la canapa è tassata al 15%.

MARIJUANA, TUTTI LA VOGLIONO LEGALIZZARE

Sono state avanzate proposte di legalizzazione della marijuana anche in Vermont, Ohio, Nevada, Arizona, Arkansas, California, Maine, Massachussetts, Michigan, Missouri, Montana e North Dakota. Se fossero tutte accolte, si stima che la fiscalità sulla canapa possa garantire tra i 5,3 e gli 8,8 miliardi di gettito, a seconda che si voglia fissare l’aliquota al 15 o al 25%.

Gli Usa hanno però stimato che quando il mercato sarà maturo, le entrate fiscali potrebbero raggiungere addirittura i 22-28 miliardi: quanto investito da Espn per aggiudicarsi i diritti tv dell’Nba per 9 anni.

MARIJUANA, MERCATO NERO E SPESE SANITARIE

Ciò che è difficile valutare, tuttavia, oltre al peso del mercato nero sull’industria della cannabis, sono i costi da sostenere per la collettività. Si tratta di spese connesse alle maggiori esigenze sanitarie derivanti dall’uso e dall’abuso, ai processi civili e penali conseguenti, per esempio, a incidenti imputabili a stati di alterazione dovuti all’utilizzo irresponsabile.

Oppure, la sostenibilità delle piantagioni per l’equilibrio dell’ecosistema locale e l’onere derivante dalla necessità di maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine, della Dea e della legge.
Mentre l’evidenza che accomuna tutti gli Stati, dove la legalizzazione della marijuana è già realtà, è che meglio tassarla al dettaglio che non alla fonte. Hanno fallito, infatti, i tentativi di modulare il cuneo fiscale in base alla quantità di principi attivi o al numero di piante coltivate. Meglio prelevare una percentuale del prezzo finale.

I dati si riferiscono al: 2016
Fonte: Taxfoundation

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *