Stress, insonnia e dolori: la soluzione arriva dall'olio al CBD

Stress, insonnia e dolori: la soluzione arriva dall'olio al CBD

Il Cannabidiolo (CBD) è una molecola naturale prodotta dalla Canapa, che a differenza del THC (Tetraidrocannabinolo) non ha effetti psico-attivanti sul nostro cervello e apporta numerosi benefici grazie a un utilizzo giornaliero a integrazione della nostra dieta.

La Canapa

Questa sostanza è alleata dell’uomo in campo medico e curativo sin dall’antichità. Si stima, infatti che i suoi primi utilizzi risalgano all’8mila A.C. . Fino agli anni ’60, poi, anche il nostro paese ricopriva una figura di spicco nel panorama economico mondiale del settore della Canapa: con oltre 130mila ettari coltivati, vantava la seconda produzione mondiale per quantità, e grazie alle genetiche Carmagnola, Eletta Campana e Fibronova, la prima produzione al mondo per qualità.

L’olio di CBD

Questo olio può essere un valido aiutante per la nostra salute, per trovare risposta a tutti quegli stati d’ansia o di stress, tipici della vita quotidiana odierna. Inoltre, andando a stimolare il Sistema Endocannabinoide interno, sin dalle prime assunzioni aiuta a contrastare l’insonnia, patologia che affligge sempre più persone, e a cui le soluzioni chimiche, dopo un primo periodo di sollievo, richiedono un dosaggio sempre maggiore per ottenere i medesimi benefici iniziali.

Altri benefici

Dei recenti studi clinici, poi, hanno confermato i benefici del CBD utilizzato come coadiuvante nel trattamento degli stati dolorifici e infiammatori, anche cronici e acuti. Questo olio, quindi, può rivelarsi un aiutante per le persone affette da patologie come la Fibromialgia, il morbo di Chron, l’Alzheimer e il Parkison. Il CBD, infatti, aiuta a tenere sotto controllo numerose sintomatologie legate a queste malattie.

Quale scegliere?

Sul mercato si possono trovare molte marche e provenienze, ma a cosa bisogna fare attenzione per un corretto acquisto?

  1. Verificare che il composto sia un Full Spectrum, ossia che l’olio contenga tutto il fito-complesso della pianta, e non il solo CBD Isolato, come spesso avviene per contenere i costi di produzione. Un olio contenente tutti i cannabinoidi, terpeni e flavonoidi, fa sì che si abbia l’Effetto Entourage: tutte le molecole interagiscono fra loro efficientando e aumentando l’effetto benefico del preparato.
  2. Chiedere sempre la modalità di estrazione del composto. L’estrazione deve avvenire con metodi naturali come la CO2 Supercritica o gli ultrasuoni. E’ assolutamente da evitare un procedimento basato su solventi chimici, modalità spesso utilizzata sempre in un’ottica di abbattimento dei costi.
  3. Chiedere al negoziante di fiducia di esibire le analisi chimiche con cui è stato verificato il reale contenuto di CBD all’interno del preparato. Esistono numerose marche che non rispettano questa regola, immettendo sul mercato oli ad alte concentrazioni di CBD, che di molecola all’interno ne hanno davvero poca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *