Zambia legalizza cannabis, da noi per qualcuno la light è "spaccio di Stato"

Lo Zambia ha legalizzato la produzione e l’esportazione di cannabis per scopi economici e medicinali. Ad annunciarlo, il governo di Lusaka, secondo il quale la coltivazione della pianta potrebbe aiutare le disastrate finanze del Paese.

La legalizzazione della produzione e dell’esportazione di cannabis è stata approvata in una riunione speciale del gabinetto del 4 dicembre, ha detto la portavoce Dora Siliya in una nota. Non è chiaro però se l’uso della cannabis in Zambia sia o meno stato legalizzato.

Il Paese dell’Africa australe si unisce così a una serie di nazioni che hanno legalizzato o stanno prendendo in considerazione la legalizzazione della cannabis. La decisione avviene sull’onda di un progressivo cambiamento di atteggiamento nei confronti di questo stupefacente, considerati anche gli ormai noti benefici nella cura di alcune patologie.

Ecco un altro caso nel mondo dove non ci si fa trascinare dalla politica dell’accattonaggio del voto, come quella messa in campo sul tema della cannabis light fatta da Meloni, Salvini e la loro compagnia.

Si favorisce ancora le narcomafie e nel farlo si racimola anche qualche voto, siamo stanchi di questa ottusa mentalità che condanna all’oblio oltre 3000 imprese fiorenti (in tutti i sensi) che si stanno radicando sul territorio italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *