Trading online: azioni cannabis in trend nel 2020, sarà un vero affare?

Con un nuovo anno in arrivo è fondamentale iniziare già a selezionare i trend che si ritengono maggiormente proficui.
Bisogna considerare soprattutto settori in via di sviluppo, come quello della cannabis, che non fa altro che registrare risultati importanti.
Infatti, le aziende legate alla produzione di prodotti CBD hanno visto non solo un aumento della domanda da parte di clienti in tutto il mondo, ma l’incremento della propria importanza nel settore finanziario.
Il tutto è legato alla liberalizzazione della Cannabis in diversi Paesi e alla diffusione di informazioni riguardanti gli effetti benefici che tale sostanza ha sul corpo e sulla psiche.
Questo articolo propone il motivo per il quale investire in azioni legate alla Cannabis potrebbe risultare una scelta intelligente e quali sono i migliori modi per farlo.
Perché il settore è in crescita?
Il comparto della canapa, nei maggiori paesi del mondo, non ha fatto altro che imporsi prepotentemente tra le aziende principali quotate in Borsa.
Solo in Nord America, ad esempio, il settore ha raggiunto cifre esorbitanti in termini d’investimenti, condizionando poi le altre potenze mondiali.
In effetti, una volta appurati gli effetti positivi di prodotti CBD sul corpo, sulla psiche e persino su disturbi patologici, la richiesta di questi prodotti è incrementata a dismisura.
Un punto a vantaggio delle aziende che trattano la Cannabis è la possibilità di toccare differenti settori, da quello alimentare, a quello tessile alla bioedilizia e persino il settore cosmetico.
Con i nuovi emendamenti emanati in Italia, il settore potrebbe esser pronto a svilupparsi allo stesso modo degli altri Paesi.
Infatti, per le aziende italiane che hanno puntato sulla Cannabis, le stime non possono essere altro che positive.
Si prevede una crescita che potrebbe raggiungere, potenzialmente, i 30 miliardi nel giro di dieci anni.
Dunque, anche il nostro Paese sembra potersi rimettere in gioco e puntare su un altro settore per aumentare le proprie entrate.
Crescita economica, aumento della richiesta e cifre esorbitanti sono tutti elementi allettanti per investitori dinamici, sempre attenti ai maggiori titoli di mercato.
Su quali aziende investire?
Per coloro che ancora non s’intendono bene dell’industria della Cannabis, è bene sapere che l’America e il Canada sono i Paesi più importanti del settore.
Tra le società più rilevanti, appare quella canadese fondata nel 2013 “Canopy Growth”, le cui azioni sono quotate presso la Borsa di Toronto.
Con un fatturato di 253 milioni di dollari, è l’azienda dalla capitalizzazione di mercato maggiore.
Un altro titolo abbastanza richiesto è la società Cannabis Aurora, fondata sempre nel 2013 e di origini canadesi.
L’azienda vanta un mercato che raggiunge 18 paesi ed è quotata presso la Borsa di Wall Street.
Seconda alla Canopy Growth, il vantaggio di questa società riguarda il numero elevati di prodotti che riesce a realizzare in un anno, restando sempre tra i trend più in voga.
Infine, c’è la GW Pharmaceuticals, conosciuta per aver messo in commercio il primo farmaco derivato dalla cannabis, il Sativex.
Inizialmente quotata a Londra, la GW è riuscita a raggiungere livelli importanti e nel 2013 è stata quotata presso l’indice di Borsa NASDAQ.
Azioni Cannabis: conclusioni
Con un mercato del tutto legale, sia per quanto riguarda lo scopo terapeutico che ricreativo in molti paesi, la crescita dei prodotti a base di cannabis è stata una conseguenza diretta.
Mediante la giusta piattaforma di trading CFD, anche i traders meno esperti ma interessati a tale campo in pieno sviluppo possono decidere di investire il proprio denaro.
Con un futuro probabilmente positivo, le aziende produttrici di Cannabis risultano uno di quegli investimenti da non lasciarsi scappare.
In caso di ribassi e tendenze negative, con i broker online sarà possibile ottenere benefici anche da situazioni sfavorevoli.
Dunque, con uno scenario favorevole e il supporto giusto, il 2020 potrebbe condurre alle soddisfazioni tanto agognate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *