Semi di Canapa: superfood altro che… droga!

Sono buoni (sanno di nocciola!), fanno bene e danno sprint: ecco perché e come mangiare i semi di Canapa.


I nutrienti contenuti nei semi di Canapa sono sì… “stupefacenti”! Si parla di Vitamine del gruppo B, indispensabili per il metabolismo e per la salute cardiovascolare e neuronale; Vitamina E, potentissimo antiossidante in grado di agire contro i radicali liberi e proteggerci dallo stress ossidativo; aminoacidi essenziali, importantissimi nel rafforzamento del sistema immunitario; e poi Calcio, Ferro, Potassio, Zinco e, soprattutto, Magnesio: 100 g di semi di canapa ne contengono 700 mg per un’assunzione
giornaliera raccomandata di 240 mg! Sono un’ottima fonte proteica – contengono tutti gli otto amminoacidi essenziali – con basso contenuto di carboidrati e moderato di fibre. Tutte caratteristiche, insomma, che fanno loro meritare l’appellativo di superfood.


Tanti grassi “buoni”


Come tutta la frutta secca oleaginosa (vedi semi di Lino, Girasole, Zucca, Sesamo, ad esempio) anche i semi di Canapa sono ricchissimi di grassi vegetali. Questi sono composti, per circa il 75%, da grassi polinsaturi (acido linolenico, linoleico e alfalinoleico), essenziali per il corretto funzionamento di muscoli, recettori nervosi e di numerose ghiandole presenti nel nostro organismo. Avete presente i famosi Omega 3 e 6? Ecco, nei semi di Canapa ce ne sono dosi generose.


Come consumarli?


I semi di Canapa si possono trovare in commercio integrali o decorticati. Nel primo caso, si tratta di piccoli chicchi ovali lunghi circa 4 mm, di colore verde-grigio, al cui interno custodiscono i semi. Sono ottimi per arricchire prodotti da forno dolci e salati e per rendere più completo il condimento di insalate.
Se, invece, uniti a salse, vellutate, yogurt, frullati e muesli danno alla preparazione più carattere. Il tutto senza trascurare che vantano un gradevole sapore di nocciola e facile digeribilità. Per essere certi di
assumere tutti i loro benefici, meglio preferire quelli integrali, evitandone la cottura.


Per chi sono adatti?


Da evitare se si segue una dieta a basso contenuto proteico, i semi di Canapa sono un apporto nutrivo per tutti. In particolare, danno il meglio di sé in caso di patologie infiammatorie (a livello osseo o dermatologico), colesterolo alto, problemi pressori e malattie legate all’apparato cardiocircolatorio, ai muscoli e al sistema nervoso. Sono perfetti per gli sportivi che necessitano di alto contenuto proteico, per chi segue una dieta vegana e vegetariana e chi ha difese immunitarie debilitate.


(Anche) ai bambini?


Le proprietà dei semi di Canapa sono eccezionali per la crescita in generale. I nutrizionisti non stentano a consigliarne anche l’inserimento nella dieta del bambino, già nella fase di svezzamento dal latte materno,
in quanto sono considerati un eccellente integratore “generale”. Quanti prenderne? Ovviamente è il medico a doverlo stabilire in base al peso e alla situazione di partenza ma, generalmente, un cucchiaio al
giorno viene considerata la quantità ottimale.

scritto da Lauretta Belardelli

Acquista subito online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *