In che modo la legalizzazione della cannabis negli Usa avrebbe un impatto sul resto del mondo?

In che modo la legalizzazione della cannabis negli Usa avrebbe un impatto sul resto del mondo?

Quando si tratta di politica globale sulla cannabis, gli Stati Uniti hanno dato l’esempio per molti decenni.
La cannabis è stata proibita per la prima volta negli Stati Uniti nel 1937, e da quel momento gli Usa hanno imposto la loro follia al resto della comunità globale.
Molti paesi hanno accettato volentieri la spinta degli Stati Uniti per un divieto continuo, ma è noto che alcune nazioni avrebbero preferito adottare un approccio più sensato, ma si sono astenute dal farlo per paura di contraccolpi da parte degli Stati Uniti.
I trattati internazionali hanno mantenuto il divieto di cannabis in vigore in molte parti del mondo.
Queste politiche di divieto hanno rovinato innumerevoli vite impedendo anche all’industria della cannabis di fare la sua parte per rilanciare le economie locali, generare entrate fiscali e creare posti di lavoro.

La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti terrà a breve un voto storico su una misura che legalizzerebbe la cannabis a livello federale negli Stati Uniti.
Le probabilità che il provvedimento venga approvato alla Camera sembrano essere buone, tuttavia, secondo molti esperti politici e osservatori, è improbabile che il Senato confermi il provvedimento.
Detto questo, tutto è possibile e si pone la domanda: “cosa significherebbe la legalizzazione della cannabis negli Stati Uniti per gli altri paesi?”

Una nuova era
Ipoteticamente, se gli Stati Uniti legalizzassero la cannabis a livello federale, inaugurerebbero una nuova era non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo.
La ricerca sulla cannabis riceverebbe un enorme impulso.
La ricerca oggi viene fatta nonostante il divieto di cannabis, ma conoscerebbe nuvi ivelli di prosperità se e quando fosse consentito di avere a che fare con un prodotto legale in tutta la comunità internazionale.
Molti paesi limitano la ricerca sulla cannabis o si astengono completamente a causa delle politiche di proibizione, e della paura di contraccolpi da parte degli Stati Uniti in particolare.
Diversi paesi fanno notare come il divieto negli Stati Uniti sia fonte di problemi nelle transazioni economiche e bancarie in corso tra Paesi in cui la cannabis è legale e quelli in cui non lo è.
Gli Stati Uniti svolgono un ruolo importante nell’influenzare le politiche e le pratiche bancarie globali e, poiché la cannabis è vietata negli Stati Uniti, continuerà a causare problemi in altri paesi fino a quando gli Usa non legalizzeranno. A quel punto i servizi bancari per l’industria globale della cannabis aumenteranno considerevolmente.

Innovazioni
Se e quando la cannabis sarà legalizzata negli Stati Uniti, avrà un effetto di ricaduta positivo e significativo sull’innovazione dell’industria globale della cannabis, e non solo.
Invece di idee innovative soffocate da politiche proibizioniste, inventori e creatori di idee potranno svilupparsi.
Proprio come gli imprenditori di tutto il mondo lavorano molto per entrare nel mercato dei consumatori degli Stati Uniti in molte industrie diverse dalla cannabis, anche loro faranno lo stesso per raccogliere i frutti di un grande successo nell’industria della cannabis in questo Paese.
A differenza di alcune industrie che in genere sono popolari solo negli Stati Uniti, la cannabis è molto popolare praticamente in tutti i paesi e qualsiasi prodotto di cannabis innovativo che diventa popolare negli Stati Uniti sarà presumibilmente molto popolare anche in altri paesi.
Idealmente, la legalizzazione negli Stati Uniti non solo porterà gli innovatori internazionali a sentirsi più liberi di esplorare le loro attività senza la minaccia di persecuzioni, ma si spera che ci saranno anche finanziamenti pubblici disponibili per aiutare a trasformare in realtà idee veramente rivoluzionarie che oggi sono solo fantasie.

(articolo di Johnny Green, su Marijuana Moment del 11/09/2020)

Acquista la migliore cannabis light legale al 100%. Spedizione rapida e garantita in tutta Italia

USA - Cannabis medica e ricreativa. Doppio referendum in South Dakota

USA - Cannabis medica e ricreativa. Doppio referendum in South Dakota

Il South Dakota potrebbe diventare il primo stato della nazione a legalizzare simultaneamente la marijuana per uso medico e ricreativo a novembre.
E’ anche l’unico stato nel cuore del paese in cui la cannabis è al ballottaggio ora che un’iniziativa sulla cannabis medica del Nebraska è stata affondata dalla Corte Suprema dello stato.
Le due misure in Sud Dakota rappresentano un progresso per i sostenitori della cannabis rispetto al 2018, quando i sostenitori del MMJ non sono stati in grado di raccogliere firme sufficienti per un referendum sulla legalizzazione al ballottaggio.
Si ritiene che le misure, in particolare l’iniziativa sulla cannabis medica, potrebbero essere approvate con maggiore probabilità rispetto a quando gli elettori dell’Ohio nel 2015 respinsero categoricamente un’iniziativa che avrebbe legalizzato contemporaneamente la cannabis medica e ricreativa.
Entrambe le iniziative consentirebbero alle giurisdizioni locali di esercitare un certo controllo sul numero di licenze commerciali.
L’iniziativa ricreativa, un emendamento costituzionale, chiede espressamente allo Stato di rilasciare licenze sufficienti per ridurre il mercato illecito.

Non è chiaro come la pensino gli abitanti del Sud Dakota sulla questione: non è stato diffuso alcun sondaggio indipendente sebbene la legalizzazione della cannabis medica a livello nazionale sia supportata da oltre il 90% degli americani.
“Siamo molto ottimisti, e penso che abbiamo buone ragioni per esserlo”, ha detto Drey Samuelson, direttore politico del South Dakotans for Better Marijuana Laws, il gruppo che sponsorizza entrambe le iniziative.
“L’atteggiamento (verso la legalizzazione della marijuana) è cambiato sostanzialmente a livello nazionale negli ultimi due o tre anni. Non penso che vinceremo per un milione di punti, ma penso che vinceremo”. E’ probabile che l’iniziativa sulla cannabis medica riceva un sostegno più forte rispetto a quella ricreativa.
Il Marijuana Policy Project fa notare che entrabe le iniziative trovano favorevoli esponenti del mondo della sanità, dell’economia e della politica.
Aiuta, ha detto Samuelson, che personaggi politici influenti come Tom Daschle, che è stato senatore democratico degli Stati Uniti nel Sud Dakota dal 1987 al 2005, si siano pronunciati come favorevoli alla cannabis. In un recente editoriale per The Hill, Daschle ha sostenuto la legalizzazione della marijuana a livello federale. Ogg fa parte del consiglio di amministrazione di Clever Leaves, una società multinazionale di cannabis medica con le sue attività principali in Colombia.
Ma c’è molta opposizione anche nel South Dakota, compreso il governatore repubblicano Kristi Noem e la South Dakota State Medical Association.
Il South Dakota è scarsamente popolato, nel 2019 aveva solo circa 885.000 residenti.
È probabile che il sostegno alle iniziative sarà maggiore in città come Sioux Falls e Rapid City, così come nelle città universitarie dello stato, ma “crediamo che anche una discreta quantità di persone delle zone rurali voterà a favore”, ha detto Samuelson.
(Marijuana Business Daily)

Acquista la migliore cannabis light legale al 100%. Spedizione rapida e garantita in tutta Italia

USA - Legalizzazione cannabis. La Camera vota a fine settembre

USA - Legalizzazione cannabis. La Camera vota a fine settembre

La Camera voterà su un disegno di legge sulla legalizzazione della marijuana a fine settembre.

Anche se la votazione in aula non è stata ancora programmata, la maggioranza Whip James Clyburn (D-SC) ha detto in una mail ai membri che la camera “dovrebbe” adottare la Marijuana Opportunity, Reinvestment and Expungement (MORE) Act durante il “Settembre periodo di lavoro.”

La legislazione, introdotta l’anno scorso dal presidente del comitato giustizia Jerrold Nadler (D-NY), ha cancellato il suo pannello ed è stata deferita a diversi altri comitati. Non è chiaro se tali commissioni rinunceranno alla giurisdizione o contrassegneranno il disegno di legge in modo che possa ottenere un voto completo.

Il MORE Act eliminerebbe il divieto di cannabis a livello federale, cancellerebbe i record di coloro con precedenti condanne per marijuana e imporrebbe una tassa federale del 5% sulle vendite, le cui entrate sarebbero reinvestite nelle comunità più colpite dalla guerra alla droga.

Creerebbe anche un percorso per il risentimento per coloro che sono incarcerati per reati legati alla marijuana, oltre a proteggere gli immigrati dalla negazione della cittadinanza e impedire alle agenzie federali di negare benefici pubblici o autorizzazioni di sicurezza a causa del suo uso.

“Meno di due anni fa, abbiamo pubblicato il nostro progetto che delinea un percorso per la legalizzazione della cannabis al 116 ° Congresso”, ha detto a Marijuana Moment il rappresentante Earl Blumenauer (D-OR), uno dei principali sostenitori della riforma al Congresso. “Ora, dopo molti mesi di duro lavoro e collaborazione, abbiamo finalmente la possibilità di porre fine alla fallimentare politica di proibizione che si è tradotta in un lungo e vergognoso periodo di applicazione selettiva contro le persone di colore, in particolare i neri”.

“Mentre le persone in tutto il paese protestano contro le ingiustizie razziali, c’è ancora più urgenza per il Congresso di cogliere questa opportunità storica e finalmente allineare le nostre leggi sulla cannabis con ciò che la maggioranza degli americani sostiene, garantendo nel contempo la giustizia riparativa”, ha detto.

In una lettera alla leadership della Camera all’inizio di agosto, una coalizione delle principali organizzazioni per la politica sulla droga e per i diritti civili, tra cui l’American Civil Liberties Union, NAACP, Human Rights Watch, Drug Policy Alliance (DPA), ha chiesto una votazione di sala sul MORE Act entro la fine di settembre.

“Siamo soddisfatti di vedere la leadership del Congresso intraprendere i prossimi passi per votare il MORE Act a fine settembe”, ha detto a Marijuana Moment Queen Adesuyi, responsabile delle politiche per DPA. “L’avanzamento di questo disegno di legge soddisfa i principi di questo momento politico in cui milioni di americani chiedono modifiche allo status quo. I Democratici alla Camera hanno l’incredibile opportunità di presentare un disegno di legge che gode di sostegno bipartisan mentre risponde alle richieste di riforma della giustizia, e giustizia razziale, che attraversa tutto il paese “.

La rappresentante Barbara Lee (D-CA), che, insieme a Blumenauer, è co-presidente del Congressional Cannabis Caucus, ha affermato che è “estremamente incoraggiante vedere la nostra leadership della Camera andare avanti su questo tema”.

“Stiamo affrontando tempi difficili nella nostra lotta per l’equità razziale e la riforma della legge, e l’approvazione della legge MORE è fondamentale per affrontare le storie di ingiustizia del nostro paese”, ha detto. “Questo è il prossimo passo nel nostro obiettivo di porre fine al dannoso divieto della cannabis nel 2021”.

Se la Camera approverà il disegno di legge, ci sarà ancora un dubbio sul fatto che il Senato controllato dai repubblicani posa fare altrettanto. Il leader della maggioranza Mitch McConnell (R-KY) è un forte sostenitore della canapa, ma ha mantenuto una ferma opposizione a una più ampia riforma della marijuana.

È possibile che l’azione della Camera possa spronare il Senato ad adottare solo una parte della legislazione sulla riforma della cannabis come la legge sul rafforzamento del decimo emendamento attraverso l’affidamento della questione agli Stati (STATES Act). Quel disegno di legge, che è sponsorizzato dai Sen. Cory Gardner (R-CO) ed Elizabeth Warren (D-MA), consentirebbe semplicemente agli Stati di impostare le proprie politiche sulla marijuana senza timore di un intervento federale.

Il presidente Trump ha espresso sostegno alla proposta.

l’approvazione lla legge MORE non sarà la prima volta che la Camera approva la riforma della cannabis in aula durante questa legislatura. La Camera ha approvato un pacchetto di aiuti per il coronavirus a maggio che include disposizioni per proteggere le banche che servono le imprese di marijuana legali statali dall’essere penalizzate dalle autorità federali. L’anno scorso ha anche approvato la legge bancaria SAFE (Secure and Fair Enforcement) indipendente.
I sostenitori sono rimasti delusi dopo che i legislatori hanno rifiutato di includere la legalizzazione della marijuana in un recente disegno di legge di riforma della polizia approvato dalla Camera. Diversi legislatori hanno affermato che si trattava di un veicolo appropriato per il cambiamento di politica, poiché porre fine alla criminalizzazione della cannabis ridurrebbe al minimo le interazioni della polizia.

“Il passaggio del MORE Act è essenziale per correggere veramente i torti della criminalizzazione federale della marijuana e per consentire una volta per tutte alla maggior parte degli stati che hanno legalizzato la cannabis per uso medico o per adulti di adottare queste politiche, libere dalla minaccia di indebiti procedimenti o interferenze federali ”, ha detto il vicedirettore di NORML Paul Armentano. “Una votazione in Aula ci farà chi sta con la maggioranza degli americani nel sostenere la fine della fallita politica federale di divieto della marijuana e, altrettanto importante, sapremo che il Congresso desidera continuare a minacciare la libertà dei milioni di americani che risiedono in stati che hanno messo in atto alternative di buon senso alla criminalizzazione della cannabis”.

Un senatore democratico ha recentemente affermato che la legalizzazione sarebbe una priorità per il 2021 se il candidato presidenziale democratico Joe Biden e il suo vice Sen. Kamala Harris (D-CA) fossero eletti.

Detto questo, la legalizzazione non è decisamente una priorità di Biden, poiché l’ex vicepresidente ha mantenuto un’opposizione alla vasta riforma nonostante il sostegno della maggioranza dei democratici. Ha tracciato un limite per la depenalizzazione del possesso di cannabis, la legalizzazione della marijuana medica, l’eliminazione definitiva e la modesta riprogrammazione.
Harris, nel frattempo, è lo sponsor principale del Senato del MORE Act.
Il comitato della piattaforma del Comitato nazionale democratico ha recentemente respinto un emendamento che avrebbe aggiunto la legalizzazione come obiettivo del partito del 2020. Alcuni sostenitori sospettano che ciò sia dovuto al fatto che il partito non voleva adottare una politica in contrasto con l’agenda del loro candidato alla presidenza. Lee ha votato contro l’emendamento del DNC, ma ha recentemente affermato che Biden deve evolversi e supportare la legalizzazione.

(articolo di Kyle Jaeger su Marijuana Moment del 28/08/2020)

Acquista la migliore cannabis light legale al 100%. Spedizione rapida e garantita in tutta Italia

USA - Calo di arresti in Texas dopo la legalizzazione della canapa

USA - Calo di arresti in Texas dopo la legalizzazione della canapa

Gli arresti per possesso di marijuana sono diminuiti di quasi il 30% in Texas dal 2018 al 2019, secondo i nuovi dati statali, e questa tendenza sembra collegata alla legalizzazione della canapa, la cugina non tossica della pianta.
Sebbene la marijuana rimanga illegale in Texas, il cambiamento di politica sulla canapa a metà del 2019 ha creato problemi per le forze dell’ordine poiché le due forme del raccolto di cannabis sono spesso indistinguibili ad occhio nudo. La polizia ha detto che, per questo motivo, non possono arrestare le persone senza condurre analisi di laboratorio per il contenuto di THC sulla cannabis sequestrata.
Secondo i dati diffusi la scorsa settimana dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Texas (DPS), questo sembra aver portato a un significativo calo degli arresti per marijuana. Nel 2018, ci sono stati circa 63.000 procedimenti penali per la marijuana nello stato, che sono scesi a poco più di 45.000 nel 2019.
I pubblici ministeri hanno archiviato centinaia di casi di cannabis di basso livello da quando la canapa è stata legalizzata. E i funzionari statali hanno annunciato a febbraio che i laboratori non avrebbero eseguito test in casi di reato minore, con il DPS che ha affermato che “non avrà la capacità di accettarli”.
Anche gli arresti della produzione di cannabis sono diminuiti in modo significativo dalla legalizzazione della canapa, da circa 2.700 nel 2018 a circa 1.900 nel 2019.

I comuni di tutto lo stato hanno colto al volo l’opportunità per far passare negli ultimi mesi le riforme locali sulla cannabis.
Il consiglio comunale di El Paso ha approvato a maggio una misura che incoraggia la polizia a emettere citazioni per casi di marijuana di basso livello invece di effettuare arresti.
A gennaio, il consiglio comunale di Austin ha approvato una risoluzione volta a porre fine agli arresti per semplice possesso di cannabis. Il dipartimento di polizia della città ha dichiarato a luglio che “non citeranno più né arresteranno più persone per reati di ‘possesso di marijuana’ di classe A o di classe B, a meno che non vi sia una minaccia immediata alla sicurezza di una persona o che la vicenda faccia parte di indagini su un caso di narcotici di un certo livello, con indagini su reati violenti.”
Un programma di citazione e rilascio a San Antonio ha portato a una riduzione del 35% del numero di arresti per piccole quantità di marijuana, secondo i dati rilasciati dal dipartimento di polizia locale.
“Le forze dell’ordine locali, consigliate da avvocati distrettuali e di contea, hanno compiuto un grande (e atteso da tempo) allontanamento dalla tradizionale mentalità del” duri contro il crimine”. Stiamo adottando un approccio “Smart on Crime”, concentrandoci su minacce reali piuttosto che arrestare e perseguire coloro che usano marijuana”, ha detto a Marijuana Moment Heather Fazio, direttrice di Texans for Responsible Marijuana Policy. “Ora è il momento di cambiare la legge statale e interrompere tutti gli arresti per possesso di marijuana in Texas”.
Il presidente della Texas House a luglio ha riconosciuto che legalizzare la cannabis potrebbe aiutare a risolvere il deficit di bilancio dello Stato, ma non sostiene il cambiamento di politica a prescindere.
L’anno scorso, la Camera ha approvato un disegno di legge di depenalizzazione che ha reso il possesso di un’oncia o meno di cannabis punibile con una multa di $ 500 e senza carcere, ma si attende il pronunciamento del Senato.
Nel frattempo, il Dipartimento dei servizi sanitari statali ha tentato di imporre un divieto alla vendita di canapa fumabile, ma sono stati citati in giudizio e un giudice ha concesso ai querelanti una vittoria procedurale il mese scorso, revocando temporaneamente il divieto.

(articolo di Kyle Jaeger pubblicato su Marijuana Moment del 09/09/2020)

Acquista la migliore cannabis light legale al 100%. Spedizione rapida e garantita in tutta Italia

Cannabis libera in Svizzera: al via le sperimentazioni

Cannabis libera in Svizzera: al via le sperimentazioni

BELLINZONA, 9 settembre 2020– In Svizzera potranno essere condotte sperimentazioni pilota di distribuzione di canapa. Dopo il Nazionale, anche gli Stati hanno approvato oggi – con 31 voti contro 7 e 2 astensioni – una modifica della Legge sugli stupefacenti.

Attualmente, nonostante il divieto, un terzo delle persone di almeno 15 anni di età ha consumato cannabis almeno una volta nella vita.

I consumatori regolari sono circa 200.000, ha ricordato Johanna Gapany (PLR) a nome della commissione. Ciò causa un fiorente mercato nero e la qualità dei prodotti non è sottoposta ad alcun controllo. La situazione attuale, basata su proibizione e repressione, non è dunque soddisfacente, ha sostenuto la friburghese.

UDC e parte del Gruppo del centro hanno criticato il progetto: il consumo di cannabis è nocivo per la salute, più delle sigarette, ha sostenuto Peter Hegglin (PPD), deplorando l’assenza di misure per proteggere i giovani.

Non si tratta di una liberalizzazione della cannabis, ha replicato Charles Juillard (PPD). “Facciamo dei test, poi decideremo in seguito il da farsi” ha sostenuto.(RSI.CH)

Acquista la migliore cannabis light legale al 100%. Spedizione rapida e garantita in tutta Italia

Olanda: vespasiani ecologici che fertilizzano le aiuole grazie alla cannabis

Olanda: vespasiani ecologici che fertilizzano le aiuole grazie alla cannabis

A quanto pare anche ad Amsterdam quello della pipì selvaggia è un problema di lunga data, soprattutto di notte vicino ai bar e ai pub dove non solo non si respira per il cattivo odore, ma sembra che alcuni palazzi abbiano chiari segni di erosione. Per non parlare del numero sempre maggiore di giovani che di notte, mentre cercano un luogo appartato per far pipì, cadono accidentalmente nei canali di cui è disseminata la capitale olandese.

Oltretutto dopo la riapertura dal lockdown causato dal Covid, la situazione si è oltremodo aggravata, perché molti non vogliono più recarsi nelle toilette pubbliche per paura del contagio, ed è decisamente aumentato il numero delle persone che hanno scelto l’alternativa della strada.

Così l’amministrazione di Amsterdam – riporta Upi –  ha optato per una soluzione che accontenti sia il cittadino che ha bisogno di far pipì, che l’ambiente e il decoro urbano. I nuovi orinatoi hanno decisamente un bell’aspetto, compresa una fioriera in cima, ma soprattutto sono pieni di… cannabis.

Ma andiamo con ordine: questi cubi colorati che sembrano delle fioriere e sono distribuiti nei luoghi più frequentati, hanno un’apertura laterale dove gli utilizzatori possono orinare in tutta privacy, con uno sguardo alla fioriera sovrastante, realizzata come uno spazio verde che possa favorire la vita delle api e di altri insetti. La vera novità è il contenuto della vasca dove va a finire l’urina: fibre di canapa (cannabis), che non solo assorbono l’odore, ma favoriscono la formazione di un fertilizzante organico ricco di fosfati. Quando la vasca è piena, dei sensori avvisano gli addetti che possono svuotarla, così il mix di urina e canapa può essere utilizzato come fertilizzante nei parchi cittadini, nei giardini e nelle fattorie.

Il nome di questi “vespasiani green”? Ovviamente non si poteva non prendere spunto dalla famosissima Greenpeace, che si batte per l’ambiente. E dunque, ecco “Greenpee”. Il motto? “Non tenertela, donala per usarla come fertilizzante”. Un’economia più circolare di così.

Articolo tratto da https://www.today.it/

Acquista la migliore cannabis light legale al 100%. Spedizione rapida e garantita in tutta Italia