fbpx

Il Colorado restituisce 30 milioni di dollari di tasse ai cittadini grazie alla canapa

Primero Roma cannabis light online cbd

Gli abitanti dello Stato americano, complice una legge che pone dei limiti sull’ammontare delle imposte, potrebbero presto riavere indietro una fetta dei 50 milioni di dollari che sono stati raccolti nell’ultimo anno soprattutto grazie all’apporto della marijuana, liberalizzata nel 2012

L’esperimento del Colorado con la marijuana, dove la droga è stata legalizzata nel 2012, potrebbe tradursi in più denaro per lo Stato e le sue scuole, ma, per la felicità del legislatore, potrebbe anche tradursi in una vera e propria restituzione di soldi ai cittadini.

La legge del Colorado, infatti, pone dei limiti ai soldi che lo Stato può incamerare in forma di tasse prima di doversi trovare costretto a restituirli in qualche modo ai cittadini.

Questo significa che gli abitanti dello Stato Usa potrebbero presto riavere indietro una fetta dei 50 milioni di dollari che sono stati raccolti nell’ultimo anno in tasse, soprattutto grazie all’apporto della marijuana.

Numeri ufficiali ancora non ce ne sono, ma secondo stime del governo del Colorado l’ammontare del rimborso potrebbe attestarsi sui 30,5 milioni di dollari, corrispondenti a 7,63 dollari per ogni adulto dello Stato.

La restituzione del denaro ai cittadini è, tra l’altro, avvalorata anche dalla considerazione che l’economia è in fase di miglioramento e le tasse stanno crescendo sempre di più.

E’ inoltre stato calcolato che la liberalizzazione del commercio della marijuana ha già

creato 10mila nuovi posti di lavoro in Colorado, considerando anche l’indotto. Lo Stato americano ha anche stabilito che i primi 40 milioni di dollari generati dalla tassazione sulla vendita della cannabis dovranno essere utilizzati per finanziare la costruzione di nuovi istituti scolastici.

Articolo tratto da https://www.repubblica.it/

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *