primero-numero-1-del-cbd-online-le-regole-della-cannabis-light-in-italia

Roma 16/02/2021 queste sono le regole della Cannabis Light in Italia secondo Primero.


In Italia il 2 dicembre 2016, è stata emanata una legge la n.242 che regolamenta la produzione e la vendita della cannabis light, la legge rende legale la cannabis purchè non superi il limite legale dello 0,6% di THC per il coltivatore, mentre per il commerciante è consigliabile acquistare prodotti che non superino il limite di 0,5 per evitare problemi.

Tutto questo previa l’apertura di un’azienda agricola e per nostra esperienza è sempre consigliabile contattare le forze dell’ordine o i Carabinieri forestali per dichiarare l’inizio di una coltivazione di cannabis light.

Dove posso acquistare la cannabis legale?

Negli ultimi anni il business della canapa ha raggiunto numeri record e in quasi tutte le città Italiane è presente almeno uno shop di marijuana.

La Cannabis a Roma come in altre città puoi acquistarla a qualsiasi ora anche attraverso

Anche su internet è possibile trovare tantissimi ecommerce che promettono di portarla a casa tua perfino con servizi di delivery come il nostro, provalo consegne di cannabis light a domicilio all’interno del Grande Raccordo Anulare di Roma.

La legge cosa dice?

La legge ancora non ha regolamentato appieno il prodotto, e la cannabis viene venduta per il cosiddetto uso tecnico oppure uso collezionistico, in effetti è consigliabile consumare la cannabis light nella propria abitazione al riparo da eventuali rischi legali o situazioni spiacevoli con le forze dell’ordine.

Il coltivatore non rischia neanche se il principio attivo THC dovesse superare il limite dello 0,6% poichè anche in quel caso perderà la sua coltivazione ma non verrà arrestato, ovviamente dovrà mostrare la fattura ed il cartellino del seme.

Questo non vuol dire che se il principio attivo superasse di molto o venisse provato il dolo nel voler coltivare Cannabis con alto tasso di THC comunque si incorrerebero in problemi legali.

Coltivare Cannabis in Italia

La legge sulla cannabis in Italia parla chiaro, è legale coltivare piante di Cannabis senza rischiare conseguenze legali, a patto che si utilizzino semi inseriti nel catalogo europeo dei semi certificati, venduti regolarmente da commercianti autorizzati.

Non sono previste sanzioni penali per il coltivatore di Cannabis light, neanche nel momento in cui si fosse sprovvisti di autorizzazione da parte delle forze dell’Ordine.

Basterà tenere da parte il cartellino del seme e lo scontrino di acquisto per essere in regola e non avere problemi in caso di controlli.

Bisogna dire però che coltivare la marijuana in Italia non è facile ed è consigliabile essere a conoscenza del mercato e le sue regole per evitare di avere perdite economiche consistenti.

Vendere Cannabis in Italia

La cannabis light è presente in Italia dal 2016 e la sua vendita è ancora priva di regolamentazione completa, tuttavia i venditori come Primero si assumono la responsabilità di inserire all’interno dei propri cataloghi prodotti solo infiorescenze provenienti da coltivazioni prive di pesticidi o in qualunque modo dannose per la salute.

E’ importante l’etica all’interno di questo mercato e la conoscenza approfondita del prodotto Cannabis, sarebbe buono avere anche conoscenza storica della pianta e dei mille usi e benefici che si possono ottenere attraverso la coltivazione e la promozione della Canapa.

Anche fare business non è semplice, sono molti i competitor affermati e molti a svendere i propri prodotti ed il proprio lavoro e l’unico a rimetterci sarà il cliente finale.

Perciò Primero ti consiglia di fare un bel pacchetto di esperienza prima di tuffarti in questo avvincente mercato.

Il consumatore rischia qualcosa nel consumare Cannabis?

Il consumatore non ha grandi rischi nel consumare CBD anche se ovviamente la combustione del prodotto può portare a danni polmonari, ma negli ultimi anni sono stati creati estratti sotto forma di olio oppure in altre forme edibili ed i benefici sono molteplici.

Tuttavia vi sconsigliamo fortemente di fumare marijuana, anche se per alcune patologie e problemi vari può avere effetti molto positivi,