fbpx

Verso la legalizzazione della cannabis in Colombia

Ancora una volta è al centro del dibattito una delle questioni più delicate nel Paese: la legalizzazione della marijuana. La questione è tornata al centro della discussione pubblica dopo l’approvazione, nel primo degli otto dibattiti, di una riforma costituzionale, promossa dai membri del Congresso Juan Carlos Losada e Juan Fernando Reyes, che mira a consentire il consumo e la commercializzazione della cannabis nel Paese. Con questo si intende che chi consuma marijuana possa andare ad acquistarla presso luoghi soggetti alla legge e che non continui a succedere come avviene oggi, quando questi consumatori si recano in luoghi illegali. Per questo devono essere stabilite licenze per la sua produzione e regolamenti per la sua commercializzazione. Vale a dire, mira a stabilire un mercato simile a quello della birra, in cui sono controllate le aziende che la producono e i siti regolamentati dalla legge dove viene acquistata dal consumatore.

E lungo tutta la filiera vengono raccolte le tasse che vanno allo Stato. “Questo è uno degli obiettivi principali di questa riforma, che lo Stato colombiano riceva risorse per un consumo che oggi, perché illegale, non arriva allo Stato. Ecco perché vogliamo aprire la possibilità di regolamentare il rilascio delle licenze con consegienti tasse legate alla catena di produzione e consumo “, ha detto il deputato del Congresso Juan Fernando Reyes, coautore dell’iniziativa. La riscossione di queste tasse, secondo Reyes, dovrebbe essere utilizzata per investimenti sociali nei territori più colpiti dal traffico di droga e per la prevenzione e mitigazione dei rischi associati al consumo.
Lo scorso settembre, l’azienda Econcept, guidata dall’ex ministro delle finanze Juan Carlos Echeverry, ha messo sul tavolo dati che confermerebbero il potenziale della cannabis come motore economico. Secondo Echeverry, “con questo prodotto (cannabis) stimiamo che le esportazioni oscillerebbero tra 2.300 e 17.700 milioni di dollari”, e ha affermato che la riscossione delle imposte sul reddito potrebbe essere compresa tra 1,2 e 3,5 miliardi di pesos. “La cannabis potrebbe superare la riscossione delle tasse dell’intero settore agricolo se entrasse ora nel mercato mondiale”, ha aggiunto l’ex ministro. D’altronde, secondo uno studio condotto da Fedesarrollo nel 2019, se parliamo solo di cannabis medica, entro il 2025 – con una crescita tendenziale di circa il 10 per cento della superficie coltivata – potrebbe raggiungere i 450 ettari e creare più di 7.700 posti di lavoro. e ricavi prossimi a 790 milioni di dollari. Ciò è confermato dalle esperienze internazionali. Secondo la Drug Policy Alliance, l’industria della cannabis ha creato tra 165.000 e 230.000 posti di lavoro negli Stati Uniti negli ultimi anni.

Impulso politico
Tuttavia, al di là dei benefici che l’iniziativa potrebbe avere, il dibattito ha un impulso politico, poiché legalizzare la marijuana implica una rifocalizzazione sulla lotta alla droga in Colombia. Forse la difficoltà maggiore che deve affrontare l’iniziativa viene dalle linee guida degli Stati Uniti, che hanno chiesto al presidente Iván Duque di raddoppiare i suoi sforzi per combattere il traffico di droga, compresa la fumigazione dei raccolti illegali.
In effetti, il governo nazionale insiste sulla reintroduzione della fumigazione con glifosato. “Sospendere l’irrorazione è stato un errore molto grave, che ha portato alla crescita insolita di colture illegali, che da allora sono diventate la principale fonte di finanziamento per i gruppi criminali”, ha detto il ministro della Difesa Carlos Holmes Trujillo. Ecco perché il Centro Democratico e il Partito Conservatore, la base della coalizione di governo, si sono concentrati in questa dura lotta per impedire il progredire di questa iniziativa. E affermano che la cannabis avrebbe gravi effetti sui minori. “Siamo preoccupati per come sarà l’uso ricreativo della marijuana, come proteggeremo i nostri figli, in quali luoghi sarà consentito l’uso della cannabis ricreativa e altre questioni”, ha sottolineato il rappresentante del Centro Democratico Gabriel Vallejo. Il chimico organico Raphael Mechoulam, membro dell’Accademia israeliana di scienze umane e uno degli uomini al mondo che ha studiato di più la materia, non è favorevole alla legalizzazione della cannabis per uso ricreativo, insistendo sul fatto che la marijuana “Non è una sostanza innocua”, soprattutto per i giovani. Mechoulam considera che l’uso a lungo termine di marijuana ad alto contenuto di THC (tetraidrocannabinolo) può cambiare il modo in cui cresce un cervello in via di sviluppo, e in alcune persone la cannabis può causare attacchi di ansia gravi e invalidanti.

A questo si aggiunga un recente rapporto dell’International Control Board, che indica che l’uso di cannabis genera dipendenza in un consumatore su 10. Cioè, la sostanza non è innocua. L’impulso è arrivato a un punto tale che all’interno dello stesso Centro Democratico ci sono differenze. Il rappresentante Gabriel Santos è l’unico membro della comunità che sostiene il progetto.La sua posizione è stata così determinante che, secondo diversi membri del Congresso, il suo voto è stato quello che ha salvato il progetto questa settimana, visto che le posizioni pro e contro erano pari. Santos ha sostenuto che il suo voto era “basato su prove”. Al di là di questo impulso, è chiaro che in diversi decenni di “guerra alla droga”, e diversi governiche l’hanno sposata, né la produzione né il consumo sono terminati, e nemmeno la pandemia di coronavirus ne ha fermato l’uso e traffico illegale. E tempo per la marijuana?

(Artricolo di Javier Forero Ortiz su CE-NoticiasFinancieras del 20/09/2020)

Consegne garantite in 24/48 ore lavorative.
Spediamo in tutta Italia la migliore cannabis light, erba legale online

white amnesia infiorescenza indoor cannabis light online
  • Peso:
  • 1 grammo
  • 5 grammi
  • 10 grammi
  • 25 grammi
Cheese erba legale cannabis light indoor by Primero Roma
  • Peso:
  • 1 grammo
  • 5 grammi
  • 10 grammi
  • 25 grammi
Amnesia infiorescenza indoor by Primero Roma erba legale cannabis light indoor by Primero Roma erba legale cannabis light indoor by Primero Roma
  • Peso:
  • 100 grammi
  • 1 grammo
  • 5 grammi
  • 10 grammi
  • 25 grammi
erba legale cannabis light indoor by Primero Roma
  • Peso:
  • 100 grammi
  • 1 grammo
  • 5 grammi
  • 25 grammi

Soul Cookie cannabis light CBD indoor

10,00450,00

Soul Cookie cannabis light CBD indoor

10,00450,00
erba legale cannabis light indoor by Primero Roma
  • Peso:
  • 1 grammo
  • 5 grammi
cannabis light online
  • Peso:
  • 100 grammi
  • 3 grammi
  • 10 grammi
  • 25 grammi
Primero Roma cannabis light online erba legale
  • Peso:
  • 150 grammi
  • 300 grammi
  • 10 grammi

Trinciato cannabis light CBD

10,00130,00

Trinciato cannabis light CBD

10,00130,00
erba legale cannabis light indoor by Primero Roma
  • Peso:
  • 1 grammo
  • 5 grammi
  • 10 grammi
  • 25 grammi
  • 50 grammi

Shiva – cannabis light CBD outdoor

7,00200,00

Shiva – cannabis light CBD outdoor

7,00200,00
erba legale cannabis light indoor by Primero Roma
  • dimensioni:
  • Grande
  • Piccolo
erba legale cannabis light indoor by Primero Roma
  • dimensioni:
  • Grande
  • Piccolo
erba legale cannabis light indoor by Primero Roma
  • dimensioni:
  • Grande
  • Piccolo
erba legale cannabis light indoor by Primero Roma
  • dimensioni:
  • Grande
  • Piccolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *